0 0
Cocktail di gamberi

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Ingredienti

Porzioni:
150g Gamberetti cotti
100g Maionese
15g Ketchup
5ml Worcestershire sauce
5ml Brandy

Informazioni nutrizionali

214
Calorie
19.9g
Grassi
1.9g
Carboidrati
5.6g
Proteine
1.6g
Gr. Saturi
1.5g
Zuccheri

Cocktail di gamberi

Caratteristiche:
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • 5'
  • Per 4 porzioni
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Un’immancabile e saporita sfiziosità sulle tavole di ogni buffet: la magica combinazione fra dei gustosi gamberetti e una vellutata salsa rosa. Quest’ultima, di origine britannica, viene chiamata anche salsa cocktail anche se il suo nome originale è quello di salsa Marie Rose. Comunque la si chiami, si fa riferimento ad una combinazione vincente fra maionese e ketchup che, tuttavia, può assumere infinite sfumature di gusto a seconda delle proporzioni fra i due ingredienti principali e la scelta degli ingredienti aggiuntivi per incentivarne il sapore. Noi abbiamo trovato una combinazione che ci ha soddisfatto parecchio e ve la proponiamo per questa ricetta apoteksv.se/. Fateci sapere se ha soddisfatto anche voi 😉

Procedimento

1
Fatto

Unite gli ingredienti per la salsa

Versate in una ciotola la maionese, il ketchup, il brandy e la worcestershire sauce.

2
Fatto

Formate la salsa

Mescolate accuratamente gli ingredienti fino ad aver ottenuto un composto rosa omogeneo.

3
Fatto

Aggiungete i gamberetti

Aggiungete i gamberetti e mescolate accuratamente facendo in modo che la salsa venga distribuita in maniera uniforme. Noi abbiamo optato pigramente per dei gamberetti precotti. Se voi avete scelto quelli freschi, cuoceteli in padella in poco olio fino a che non saranno diventati completamente bianchi.

4
Fatto

Impiattate e servite!

Impiattate e servite il vostro cocktail di gamberi!

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto con la cucina. Vivendo da solo da quando avevo vent'anni, l'avvicinamento alle attività culinarie era una necessità per la sopravvivenza. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Zuppa di cipolle gratinata
successiva
Pasta alla genovese
precedente
Zuppa di cipolle gratinata
successiva
Pasta alla genovese

Aggiungi il Tuo Commento