0 0
Uova in purgatorio

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Informazioni nutrizionali

360
Calorie
25.1g
Grassi
14.4g
Carboidrati
18.2g
Proteine
5g
Gr. Saturi
10.7g
Zuccheri

Uova in purgatorio

Caratteristiche:
  • Ricette vegetariane
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
Cucina:
  • Per 1 porzioni
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Rifare questa ricetta dopo anni, se non decenni, che non le avevo più mangiate, mi ha fatto tornare immediatamente alla mente quando mia madre preparava per cena queste uova in purgatorio (in napoletano ova m’priatorio). L’effetto Proust è scattato immediatamente e questo mi ha reso molto soddisfatto. Probabilmente il nome è dovuto al contrasto cromatico del bianco delle uova che stazionano sul rosso acceso della salsa, creando l’effetto “purgatorio” 😉

Mi raccomando, se decidete di prepararle, non lesinate sulla quantità di pane da accompagnare a queste squisite uova 😉

Procedimento

1
Fatto

Rosolate l'aglio

Fate scaldare l'olio extravergine d'oliva in una padella a fuoco medio e lasciate rosolare al suo interno per circa un minuto l'aglio tritato finemente.

2
Fatto
10'

Cuocete la salsa

Aggiungete la passata (noi abbiamo usato quella rustica) e un pizzico di sale, mescolate per far incorporare l'olio e lasciate cuocere per una decina di minuti.

3
Fatto

Aggiungete le uova

Praticate due incavi all'interno della passata, all'interno dei quali verserete le vostre uova. Vi consigliamo di romperle prima in un piatto o una ciotolina a parte, piuttosto che direttamente in padella, giusto per essere più precisi e per evitare qualsiasi brutta sorpresa ;-)

4
Fatto

Fate cuocere le uova

A questo punto non vi resta che lasciar cuocere le uova per un minimo di 3 minuti: con questo tempo di cottura riuscirete a ottenere un albume ben cotto e un tuorlo cremoso. Se preferite invece un tuorlo più sodo, lasciate cuocere un po' più a lungo l'uovo, fino a un massimo di 5 minuti.

5
Fatto

Impiattate e servite!

Impiattate, spolverate col prezzemolo tritato e il pepe e servite le voste uova in purgatorio (con tanto tanto tanto pane ;-))

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto col cibo fatto in casa. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Filetti di trota con asparagi al limone
successiva
Gnocchi al sugo di ‘nduja
precedente
Filetti di trota con asparagi al limone
successiva
Gnocchi al sugo di ‘nduja

Aggiungi il Tuo Commento