0 0
Pollo alla cacciatora

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Informazioni nutrizionali

607
Calorie
38g
Grassi
9.7g
Carboidrati
50.2g
Proteine
9.1g
Gr. Saturi
6.5g
Zuccheri

Pollo alla cacciatora

Caratteristiche:
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
Cucina:
  • 60'
  • Per 4 porzioni
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Non era possibile che questa ricetta non fosse ancora presente sul nostro blog. Il pollo alla cacciatora è uno dei secondi più classici della cucina italiana. Per realizzarlo abbiamo utilizzato soltanto le cosce, ma voi potete scegliere di utilizzare anche o solo il petto.

Nota finale: c’è chi aggiunge anche delle olive nere, voi potete usarle se le gradite! 😉

Procedimento

1
Fatto

Tagliate le carote

Pelate le carote, eliminatene le estremità e tagliatele a piccoli cubetti.

2
Fatto

Tagliate il sedano

Lavate le coste di sedano e pelatele con un pelapatate in modo da eliminare i filamenti. Tagliatele a metà e poi a piccoli tocchetti.

3
Fatto

Tagliate le cipolle

Sbucciate le cipolle e tritatele finemente.

4
Fatto

Fate rosolare le verdure

Scaldate l'olio d'oliva in una padella capiente e lasciate rosolare al suo interno le verdure per un paio di minuti.

5
Fatto
5'

Fate rosolare le cosce di pollo

Aggiungete in padella le cosce di pollo e fatele rosolare per un paio di minuti per lato.

6
Fatto

Fate sfumare il vino

Aggiungete il vino bianco e lasciatelo sfumare fino a quando non sentirete più l'odore di alcool.

7
Fatto
30'

Aggiungete il pomodoro e fate cuocere

Schiacciate per bene i pomodori pelati, aggiungeteli in padella insieme a una spolverata di sale e pepe e lasciate cuocere il tutto per mezz'ora. Controllate ogni tanto lo stato della cottura: se il sugo dovesse essersi ristretto troppo, aggiungete un po' d'acqua calda o brodo vegetale.

8
Fatto

Impiattate e servite!

Impiattate e servite il vostro pollo alla cacciatora!

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto con la cucina. Vivendo da solo da quando avevo vent'anni, l'avvicinamento alle attività culinarie era una necessità per la sopravvivenza. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Carote glassate
successiva
Zuppa vellutata di sedano
precedente
Carote glassate
successiva
Zuppa vellutata di sedano

Aggiungi il Tuo Commento