0 0
Crostata morbida al Kinder Bueno

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Ingredienti

Porzioni:
Per uno stampo da 27/28cm
2 Uova
80g Zucchero
70g Olio di semi
15ml Essenza di vaniglia
110g Farina tipo '00'
8g Lievito istantaneo per dolci
50g Cacao
50ml Latte
350g Crema al latte e nocciole
Per la decorazione
2 confezioni Kinder Bueno Ogni confezione contiene 2 barrette

Informazioni nutrizionali

338
Calorie
18.7g
Grassi
34.5g
Carboidrati
6.3g
Proteine
2.7g
Gr. Saturi
10.2g
Zuccheri

Crostata morbida al Kinder Bueno

Per gli insuperabili golosi

Caratteristiche:
  • Ricette vegetariane
  • 35'
  • Per 12 porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per uno stampo da 27/28cm

  • Per la decorazione

Introduzione

Condividi

L’idea alla base di questa crostata morbida al Kinder Bueno è quella di replicare, appunto, il famoso snack, semplicemente ricoprendo una base morbida al cacao con una crema al latte e nocciole.

Le crostate con base morbida sono dei dolci che ricordano nella forma la classica crostata fatta usando un guscio di pasta frolla, ma in realtà al posto di quest’ultima utilizzeremo una torta soffice alla quale daremo una forma concava grazie all’utilizzo di uno strumento apposito.

Lo strumento che andremo ad utilizzare per dare la forma che ci serve al nostro impasto viene detta in gergo stampo furbo. Questa teglia con base rialzata si può comprare in un negozio ben fornito di articoli casalinghi oppure potete farvela comodamente recapitare a casa acquistandola online in vari siti di e-commerce.

Esistono diverse versioni dello stampo furbo che differiscono sia per dimensioni che per materiale. Il mio stampo furbo ha un diametro di 27 centimetri ed è fatto di silicone. Se usate anche voi uno stampo in silicone, vi consiglio di infornarlo al di sopra di una teglia o una leccarda: in questo modo, non correremo il rischio di deformare lo stampo mentre sforniamo il dolce.

Se non possedete uno stampo furbo, potete provare a usare un normale stampo a cerniera e creare l’incavo successivamente, scavando all’interno del dolce.

Veniteci a trovare nel nostro gruppo Facebook. Vi aspettiamo! 😉

Procedimento

1
Fatto

Montate le uova con lo zucchero

Rompete le due uova in una terrina e aggiungete lo zucchero. Sbattete le uova e lo zucchero ad alta velocità per circa cinque minuti in modo da ottenere una spuma densa.

2
Fatto

Aggiungete olio e vaniglia

Aggiungete alla spuma così ottenuta l'olio e l'essenza di vaniglia e continuate a sbattere.

3
Fatto

Setacciate e mescolate le polveri

A parte, setacciate la farina, il lievito e il cacao e mescolate le polveri. Aggiungetele poco alla volta al composto mentre continuate a lavorarlo.

4
Fatto

Aggiungete il latte

Quando le polveri saranno ben incorporate, aggiungete e amalgamate il latte per rendere il tutto più fluido.

5
Fatto

Ungete la teglia

Ricoprite lo stampo furbo con burro o dell'olio (noi abbiamo usato l'apposito spray).

6
Fatto

Riempite lo stampo

Versate il composto lavorato all'interno dello stampo furbo e livellatelo per bene in modo che vada a riempire completamente l'incavo.

7
Fatto
20'

Infornate la base

Fate cuocere in forno preriscaldato statico a 180 gradi (o ventilato a 160 gradi) per circa 20 minuti. Fate la prova stecchino per controllare l'effettiva cottura. Non vi preoccupate se si formeranno delle crepe in superficie, tanto andranno a finire alla base e non rovineranno il senso estetico.

8
Fatto

Rovesciate la base

Lasciate raffreddare completamente e rovesciate la base in un piatto da portata.

9
Fatto

Versate la crema

Fate sciogliere leggermente la crema alle nocciole, tenendola qualche minuto a bagnomaria oppure usando il microonde a bassissima potenza per qualche secondo, in modo che sia fluida abbastanza da poterla versare agevolmente sulla base al cacao. Ricoprite completamente la base.

10
Fatto

Decorate a piacere!

Spezzate le barrette di Kinder Bueno a tocchetti e utilizzateli per decorare la vostra crostata morbida a piacere!

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto con la cucina. Vivendo da solo da quando avevo vent'anni, l'avvicinamento alle attività culinarie era una necessità per la sopravvivenza. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Spaghetti al limone
successiva
Baklava
precedente
Spaghetti al limone
successiva
Baklava

2 Commenti Nascondi Commenti

Aggiungi il Tuo Commento