0 0
Pastel de nata

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Informazioni nutrizionali

213
Calorie
9.3g
Grassi
27.6g
Carboidrati
3.7g
Proteine
4.9g
Gr. Saturi
14.6g
Zuccheri

Pastel de nata

Caratteristiche:
  • Ricette vegetariane
  • 80'
  • Per 12 porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per ungere la teglia

Introduzione

Condividi

Girando per le strade di Lisbona non ci si può non imbattere in questi invitantissimi pasticcini che sono tanto buoni quanto semplici da replicare in casa! In verità, non conosco i segreti delle nonne portoghesi che magari si tramandano le ricette da generazioni, però me ne sono andato per un’idea e il risultato è stato un procedimento elementare a livelli quasi disarmanti e un prodotto finale che si avvicinava tantissimo all’originale. Facendo il conto delle calorie poi, è anche venuto fuori che un dolcino come questo non è nemmeno tanto pesante… anzi! Quindi il mio consiglio per oggi è: dateci sotto con questi deliziosi pastel de nata! 😉

Procedimento

1
Fatto
40'

PREPARATE LA CREMA PASTICCERA

Versate il latte in una pentola. Incidete la stecca di vaniglia e con l'aiuto della lama del coltello estraetene i semini. Aggiungete al latte sia i semini che il baccello, insieme alla scorza grattugiata di mezzo limone. Portate a bollore su fiamma moderata. Spegnete appena inizia a bollire. Nel frattempo, mentre aspettate che il latte arrivi a bollore, setacciate l'amido di mais in una ciotola e mescolatelo con lo zucchero.

2
Fatto

Aggiungete alle polveri i tuorli d'uovo e mescolate energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Filtrate il latte bollente in modo da eliminare il baccello di vaniglia, la scorza di limone ed ogni eventuale pellicina che possa essersi formata a causa del bollore. Aggiungetela al composto preparato poc'anzi e amalgamate.

3
Fatto

Versate di nuovo il composto in una pentola e riportate sul fuoco a fiamma bassa mescolando in continuazione fino a quando la crema si sarà addensata. Ci vorranno davvero pochi minuti.

4
Fatto

Spegnete il fuoco e trasferite la crema in un contenitore. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente prima di utilizzarla ma prima, per evitare che si formi la tipica pellicina in superficie, potete usare il classico strato di pellicola trasparente a contatto.

5
Fatto

Ripiegate il rotolo di pasta sfoglia

Srotolate la pasta sfoglia su un piano ricoperto di carta da forno e piegatela su se stessa a metà

6
Fatto

Arrotolate la pasta sfoglia

Aiutandovi con la carta da forno, arrotolate la pasta sfoglia molto strettamente, partendo dal lato corto.

7
Fatto

Dividete il rotolo in quattro parti

Tagliate il rotolo di pasta sfoglia a metà e poi ogni metà di nuovo a metà.

8
Fatto

Tagliate ogni quarto in tre parti

Dividete ogni quarto così ottenuto in tre tocchetti di uguale spessore.

9
Fatto

Formate dei dischi di sfoglia

Appiattite con un piccolo matterello ogni tocchetto di sfoglia fino ad ottenere un disco di circa 8/10 cm di diametro.

10
Fatto

Foderate gli stampi

Ungete degli stampi per muffin con un po' d'olio e foderate ognuno di loro con un disco di pasta sfoglia. Con i rebbi di una forchetta, praticate dei fori alla base di ciascuno stampo.

11
Fatto

Aggiungete la crema pasticcera

Riempite ogni involucro di pasta sfoglia con cucchiaiate di crema pasticcera. Livellatene bene la superficie.

12
Fatto
30'

Cuocete in forno

Cuocete nella parte media del forno preriscaldato statico a 200 gradi (oppure ventilato a 180 gradi) per circa mezz'ora o comunque fino a quando la crema pasticcera cominci a caramellarsi e scurirsi in superficie.

13
Fatto

Lasciate raffreddare

Dopo aver sfornato i dolcetti, fateli raffreddare per una decina di minuti nello stampo, poi tirateli via e poggiateli su una gratella fino a completo raffreddamento.

14
Fatto

Impiattate e servite!

Impiattate e servite i vostri pastel de nata!

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto con la cucina. Vivendo da solo da quando avevo vent'anni, l'avvicinamento alle attività culinarie era una necessità per la sopravvivenza. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Insalata di riso
successiva
Insalata di fagiolini e patate novelle
precedente
Insalata di riso
successiva
Insalata di fagiolini e patate novelle

Aggiungi il Tuo Commento