0 0
Farfalle con panna e salmone

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo

Informazioni nutrizionali

506
Calorie
19.2g
Grassi
63.2g
Carboidrati
19.1g
Proteine
7g
Gr. Saturi
4.6g
Zuccheri

Farfalle con panna e salmone

Cucina:
  • 30'
  • Per 3 porzioni
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Non potevamo che usare le farfalle per realizzare questo piatto, che si piazza immediatamente nella nostra raccolta di ricette sciuè sciuè, e se volete provare a farle in casa potete seguire qui la nostra ricetta. Ovviamente, potete usare anche una pasta industriale oppure di un formato diverso, ma sempre possibilmente corta.

Per la gioia dei single e delle casalinghe indaffarate del ventunesimo secolo, speriamo che questa pasta veloce come un lampo possa essere di vostro gradimento 🙂

Procedimento

1
Fatto

Tritate la cipolla

Sbucciate la cipolla e tritatela finemente.

2
Fatto

Tagliate il samone

Tagliate le fette di salmone affumicato a strisce e poi a pezzetti.

3
Fatto

Rosolate la cipolla

Fate scaldare l'olio extravergine d'oliva in una padella e fate rosolare al suo interno la cipolla per un paio di minuti.

4
Fatto

Aggiungete il salmone

Aggiungete in padella i pezzetti di salmone e lasciateli rosolare insieme alla cipolla rigirandoli di tanto in tanto fino a quando avranno completamente cambiato colore.

5
Fatto
5'

Aggiungete la panna

Aggiungete la panna e lasciate cuocere per cinque minuti, poi aggiustate di sale e pepe.

6
Fatto

Cuocete la pasta e aggiungetela in padella

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata seguendo le tempistiche indicate sulla confezione. Scolate le farfalle, tenendo da parte un mestolo d'acqua di cottura e aggiungete tutto in padella, lasciando mantecare il tutto mentre mescolate a fiamma alta per un paio di minuti.

7
Fatto

Impiattate e servite!

Impiattate, cospargete di prezzemolo tritato e servite le vostre farfalle con panna e salmone!

Alessandro

Mi chiamo Alessandro, classe 1981. Ho sempre avuto un rapporto d'amore assoluto con la cucina. Vivendo da solo da quando avevo vent'anni, l'avvicinamento alle attività culinarie era una necessità per la sopravvivenza. Da un po' di tempo ho cercato un approccio più impegnato e reverenziale nei confronti della cucina, ho imparato tantissimo e ho scoperto che... cucinare è facile! ;-)

precedente
Zuppa vellutata di asparagi
successiva
Halloumi alla piastra
precedente
Zuppa vellutata di asparagi
successiva
Halloumi alla piastra

Aggiungi il Tuo Commento